I progetti dei nostri corrispondenti in Burkina Faso

I progetti dei nostri corrispondenti in Burkina Faso

Attraverso il progetto “COMUNICARE LA CITTA’ SOSTENIBILE”, il gruppo dei ragazzi partecipanti di Piacenza ha avuto occasione di venire a contatto con la realtà del burkina faso e di approfondire in particolare la conoscenza degli aspetti agricoli e produttivi. Il tema del progetto è infatti legato all’agricoltura urbana e allo sviluppo di filiere sostenibili. Le esperienze di Piacenza sono state presentate nel corso di un seminario, e allo stesso tempo alcuni ragazzi di Ouagadougou hanno presentato progetti che sono stati selezionati nell’ambito di una call promossa dalla Fondazione ACRA.

La produzione agricola del Burkina Faso non è in grado di coprire il fabbisogno alimentare della popolazione, che aumenta negli anni. Questa bassa produzione è dovuta a rischi climatici, ai suoli poveri, alla mancanza di punti d’acqua per la produzione fuori stagione e alla mancanza di produzione stagionale, o la mancanza di terra arabile per la produzione.
Il Burkina Faso sta attualmente affrontando un’urbanizzazione su larga scala che sta portando sempre più a una riduzione della terra arabile.
La capitale Ouagadougou, densamente popolata, vive una carenza di prodotti alimentari, soprattutto verdure, importanti per permettere alle famiglie di sfamarsi, di mangiare cibo sano e ricco di vitamine.
In Burkina Faso vive un totale di 20 milioni di abitanti, la capitale Ouagadougou da sola conta 2,5 milioni di persone. La popolazione del paese è prevalentemente giovane: circa il 46% (dato World Bank) è costituito da giovanissimi con meno di 15 anni di età. Questa crescita è anche accompagnata dall’insicurezza alimentare che coinvolge molti cittadini.
L’aumento e la diversificazione dei siti di produzione potrebbe essere un’alternativa per questo bisogno crescente.

I ragazzi del Burkina che aderiscono al progetto promosso dall’ONG ACRA hanno risposto ad una call finalizzata a raccogliere idee innovative per ovviare ai crescenti problemi legati all’agricoltura urbana del Burkina Faso. Al momento questi progetti restano al livello di proposta, ma sono comunque supportati da conoscenze tecniche e potrebbero portare un contributo ai problemi del paese.
In questo articolo vogliamo presentare solo due di queste proposte, che ci sono sembrate particolarmente interessanti.

Progetto Burkindi Agro and Fish Innovation (BAGFISH),

In Burkina Faso, la cipolla locale (Allium cepa) è una delle verdure più utilizzate in cucina a livello familiare, o per altre occasioni. Le cipolle rappresentano circa un terzo (1/3) della produzione degli orti. Questa produzione è considerevole ma mal distribuita nel tempo perché la catena del valore della cipolla è caratterizzata da un’alta concentrazione di produzione e commercializzazione in un breve periodo dell’anno. Il Burkina si trova quindi sempre di fronte a una carenza di cipolle in certi periodi dell’anno (tra ottobre e dicembre) e a una carenza di bulbi di cipolla sul mercato, che costringe i produttori a importare cipolle per soddisfare l’alta domanda dei consumatori.
È questo problema che ha dato origine all’idea innovativa del progetto Burkindi Agro and Fish Innovation (BAGFISH), elaborato da Diarra Angeline, un progetto che combina la produzione di cipolle invernali con l’allevamento di pesci. Questo progetto, i cui beneficiari immediati sono gli abitanti della città di Ouagadougou, trova la sua maggiore importanza nel suo carattere innovativo: oltre a ridurre la carenza di cipolle bulbose nel periodo tra ottobre e e dicembre, permetterebbe anche di rifornire di pesce i mercati locali. Questo aiuterebbe quindi a migliorare l’assunzione di cibo delle famiglie rurali nei momenti in cui la maggior parte dei granai sono vuoti.

Il progetto consiste nella creazione di un orto combinato con l’allevamento di pescisu una superficie totale di 1ha in un perimetro irrigato nella città di Ouagadougou. È un’opportunità per i produttori, perché questa varietà si adatta perfettamente alle caratteristiche delle precipitazioni in Burkina. Inoltre, i buoni rendimenti fornirebbero un costante flusso di reddito. La produzione durante la stagione delle piogge permetterebbe di ridurre i costi legati alla disponibilità di acqua. L’idea è di iniziare la coltivazione a metà maggio in vivaio poi alla fine di giugno i bulbi verrebbero trapiantati e infine a ottobre la raccolta. La commercializzazione sarebbe fatta a bordo campo con i grossisti. Così da ottobre, la popolazione della città di Ouagadougou potrà beneficiare di
cipolle di qualità in quantità e con un sapore più pronunciato di quello delle cipolle importate. Inoltre, beneficerà di una vera fonte di proteine, che è il pesce gatto.

Questa specie di pesce è molto apprezzata sul mercato a causa delle sue qualità nutrizionali e gusto succulento. A seconda dei gusti degli abitanti della città di Ouagadougou, il pesce si può trovare in due forme: fresco e affumicato. Cresciuto in buone condizioni, entro 3 o 4 mesi, il pesce con un peso unitario medio di 500g o più sarà venduto sul mercato. L’allevamento sarà fatto in micro-serbatoi con una capacità di 2 m3 d’acqua situati a monte della zona di coltivazione della cipolla invernale. Ogni micro-bacino avrà due valvole: una che permette di condurre la quantità necessaria di acqua dalla diga al micro stagno per l’allevamento dei pesci e l’altra per condurre l’acqua dal micro-bacino alla micropiscina alle piante di cipolla. Da queste ultime valvole alle piante di cipolla saranno create per facilitare l’irrigazione delle piante ogni volta che i microbacini vengono puliti.
L’importanza di questa associazione risiede da un lato nel fatto che l’acqua dell’allevamento ittico sarà utilizzata come acqua supplementare in caso di irregolarità delle precipitazioni: così la coltura avrà permanentemente a disposizione la quantità d’acqua di cui ha bisogno. D’altra parte, questa associazione permetterà alla coltura di beneficiare del concime organico del pesce. Risparmierà anche acqua, migliorerà la resistenza del suolo e minimizzerà i costi di produzione.
A causa dei nutrienti che saranno nell’acqua dell’allevamento di pesci, ridurremo acqua, ridurremo la dose di fertilizzante minerale da utilizzare nell’appezzamento per garantire una migliore conservazione dei nostri prodotti e per ridurre il più possibile l’impatto negativo sull’ambiente.


Un secondo progetto che vogliamo presentare è quello della giovane Combari Innocent, L’orto Ouagalaise. In modo concreto e con mezzi modesti, il progetto mira a: – creare canali di fornitura efficienti per i prodotti degli orti, – sviluppare tecniche per la conservazione sostenibile dei prodotti degli orti – creare un sistema di commercializzazione più efficiente per i prodotti degli orti. – commercializzare prodotti da giardino.

Il progetto si inserisce nel quadro dell’innovazione tecnologica applicata allo sviluppo del settore agroalimentare a favore dell’orticoltura.
In questo ambito il problema principale è la mancanza di garanzia dell’acquisto dei prodotti dai produttori quando sono trasportati nella capitale, o anche la bassa probabilità di avere un compratore alla base. Al fine di rispondere a questo problema, la procedura sviluppata consiste nell’andare dai produttori e assicurare loro l’acquisto dei loro prodotti; e questo, per mezzo di contratti con garanzie.

La procedura prevede anche il trasporto dei prodotti a Ouagadougou ad un costo inferiore (triciclo attrezzato). Il progetto prevede l’implementazione di tecnologie abbastanza specifiche.
In primo luogo, si propone di costruire una cantina moderna e abbastanza specifica per la
conservazione a bassa temperatura. Questa infrastruttura sarà composta da tre strati, tra cui una lamiera esterna che servirà da paraurti, un poliuretano schiuma come isolamento termico, uno strato di alluminio all’interno per rinforzare la mediana. Questa infrastruttura sarebbe sinonimo di
una stanza fredda. Poi per il raffreddamento della cantina, si prevede una nuova tecnica di raffreddamento che l’autrice del progetto battezza: “il venti-idro cooler”. Si tratta di un sistema di climatizzazione molto efficiente basato sull’acqua, con due vantaggi: il primo è l’aspetto ecologico in quanto utilizza energia rinnovabile (pannelli solari) , il secondo è l’aspetto economico, poiché si tratta di un investimento permanente

Infine, il progetto propone di istituire un sistema di stoccaggio per i prodotti dell’orto, una scatola di legno che permette all’aria di passare attraverso delle griglie.
Questo materiale è ideale per immagazzinare e conservare i prodotti dell’orto.
e per conservarli a lungo termine. La rastrelliera viene semplicemente messa in cantina. Tutte le attrezzature sono economiche ed ecologiche.
Infatti, la pulizia è un fattore importante che attrae i clienti e per questo il progetto prevede di concentrarsi sulla questione dell’igiene attraverso un imballaggio in alluminio che presenta non solo una buona estetica ma anche una protezione contro i microrganismi e la luce. Infine, il progetto prevede la costruzione di una rete efficacemente strutturata per promuovere la visibilità della vendita dei prodotti attraverso la pubblicità, in vari stili: carte, volantini, ma anche l’e-commerce.


Lascia un commento